Il Marzocco

Nella Repubblica Fiorentina del XVI secolo, il "marzocco" o "marzucco" era un leone simbolo del potere popolare. La tradizione dell'animale totemico nelle città italiane del medioevo era molto forte, in particolare a Firenze; tale identificazione si riflette in molti stemmi cittadini e spesso utilizzato in stemmi araldici del tempo; l'abitudine di mantenerne ed esporne esemplari era considerato segno di potenza e ricchezza.
Il termine è di etimologia incerta, ma comunque da riferire al latino "martius"=di Marte. Un'altra delle spiegazioni avanzate è che la parola Marzocco sia la contrazione della parola Martocus, cioè piccolo Marte.
La più celebre rappresentazione è quella di Donatello, una bellissima scultura che nel primo rinascimento fiorentino, sintetizzava con una anormale intuizione un leone che trattiene con la zampa destra uno scudo rappresentante il giglio rosso in campo bianco simbolo guelfo di questa città. Il Marzocco di Donatello è oggi conservato nel Museo del Bargello e in copia in Piazza della Signoria davanti a Palazzo Vecchio.
Al momento delle gare del Trofeo a lui dedicato, essa ci guarda con la fierezza che lo contraddistingue ammonendoci sul significato storico del simbolo che lui stesso rappresenta per Firenze, la simbiosi del leone e del giglio fiorentino, pietra miliare ed unificante delle origini di Firenze e sul rigore a cui si devono basare le rievocazioni, solo per ciò che esse debbano rappresentare.

Post popolari in questo blog

TROFEO MARZOCCO 2018 - XXV Edizione

TROFEO MARZOCCO 2018 - XXV Edizione - i risultati

Trofeo MARZOCCO 2017... ci siamo !!